"La qualità delle nostre relazioni determina la qualità della nostra vita"

     “Perché CONOSCERE vuol dire RICONOSCERE”

 

Cerca
Close this search box.

La Famiglia Tossica Attacca Chi Dice la Verità

Image

Le famiglie disfunzionali e tossiche rappresentano una realtà dolorosa e complessa per molti. Quando un membro della famiglia decide di prendere le distanze e di affrontare la verità su ciò che accade all’interno del nucleo familiare, spesso si trova a dover affrontare una serie di tattiche punitive messe in atto dai familiari. Queste strategie mirano a screditare, isolare e far dubitare colui che ha avuto il coraggio di alzare la voce e di denunciare i comportamenti problematici. Comprendere e riconoscere tali dinamiche è fondamentale per affrontarle in modo consapevole e tutelare il proprio benessere.

Le Accuse di Esagerazione e Drammatizzazione

Una delle prime tattiche a cui ricorrono i membri di una famiglia tossica è quella di accusare il “ribelle” di esagerare, drammatizzare e mentire riguardo alla propria esperienza. Questi familiari tendono a sminuire e negare ciò che viene riportato, arrivando perfino a coinvolgere altri parenti, amici e conoscenti in una vera e propria “campagna diffamatoria”. L’obiettivo è quello di minare la credibilità della persona, facendola apparire instabile e inaffidabile agli occhi degli altri. Questa strategia di triangolazione mira a isolare l’individuo e a delegittimare la sua versione dei fatti.

L’Accusa di Ferire gli Altri

Un’altra tattica utilizzata dalle famiglie tossiche è quella di ribaltare la situazione, accusando il membro “ribelle” di essere la causa del dolore e della sofferenza degli altri familiari. Quando si evidenziano i comportamenti problematici all’interno della famiglia, questi vengono invece attribuiti alla persona che osa denunciarli, etichettandola come vendicativa e incapace di perdonare. In questo modo, l’attenzione viene spostata dalle dinamiche disfunzionali della famiglia al presunto atteggiamento negativo del singolo individuo.

L’Etichetta di Persona Ingrata

Un’ulteriore strategia adottata dalle famiglie tossiche è quella di dipingere il membro “ribelle” come una persona ingrata, incapace di apprezzare tutto ciò che la famiglia ha fatto per lui/lei. I familiari tossici tendono a sottolineare i “sacrifici” compiuti, facendo leva sul senso di colpa e minando l’autostima della persona. Viene così creata l’illusione che il problema sia il comportamento dell’individuo, piuttosto che i comportamenti problematici della famiglia stessa.

L’Incapacità di Superare il Passato

Infine, una delle ultime tattiche utilizzate dalle famiglie tossiche è quella di etichettare il membro “ribelle” come una persona incapace di superare il passato e di andare avanti. In questo caso, la strategia mira a sminuire l’esperienza della persona, facendola sentire come se il problema fosse il suo atteggiamento e non i comportamenti disfunzionali della famiglia. Ancora una volta, l’obiettivo è quello di spostare l’attenzione dalle dinamiche familiari problematiche alla presunta incapacità dell’individuo.

Riconoscere e Affrontare le Tattiche Punitive

Conoscere e riconoscere queste tattiche punitive utilizzate dalle famiglie tossiche è fondamentale per poter affrontare la situazione in modo consapevole e tutelare il proprio benessere. Nonostante sia estremamente difficile, è importante mantenere i propri confini, la propria integrità e l’indipendenza emotiva. Resistere alle pressioni e alle accuse, senza lasciarsi intimidire, può rappresentare un passo cruciale verso la propria guarigione e il raggiungimento di una vita più sana e appagante.

Conclusione

Le famiglie tossiche possono adottare una serie di tattiche punitive nei confronti di coloro che hanno il coraggio di dire la verità e di prendere le distanze dal sistema disfunzionale. Comprendere e riconoscere queste strategie è fondamentale per poter affrontare la situazione in modo consapevole e preservare il proprio benessere. Nonostante le sfide, è possibile trovare la forza di mantenere i propri confini, la propria integrità e l’indipendenza emotiva, per costruire una vita più sana e appagante.

Leggi questo articolo per approfondire: https://capro-espiatorio-relazioni-narcisistiche

Bibliografia

  • Lubit, R. (2004). Coping with Toxic Managers, Subordinates … and Other Difficult People: Using Emotional Intelligence to Survive and Prosper. Pearson Education.
  • Forward, S., & Buck, C. (2002). Toxic Parents: Overcoming Their Hurtful Legacy and Reclaiming Your Life. Bantam.
  • Bradshaw, J. (1990). Family Secrets: What You Don’t Know Can Hurt You. Bantam.
  • Brown, N. W. (2009). Children of the Self-Absorbed: A Grown-Up’s Guide to Getting Over Narcissistic Parents. New Harbinger Publications.
  • Evans, P. (2010). Controlling People: How to Recognize, Understand, and Deal with People Who Try to Control You. Adams Media.
  • Gibson, L. C. (2015). Adult Children of Emotionally Immature Parents: How to Heal from Distant, Rejecting, or Self-Involved Parents. New Harbinger Publications.
  • Streep, P., & Forward, S. (2005). Mothers Who Can’t Love: A Healing Guide for Daughters. HarperCollins.
  • Greenberg, L. S., & Johnson, S. M. (1988). Emotionally Focused Therapy for Couples. The Guilford Press.
  • Schwartz, A. (2008). Emotional Inheritance: A Therapist, Her Patients, and the Legacy of Trauma. The Guilford Press.
  • van der Kolk, B. A. (2014). The Body Keeps the Score: Brain, Mind, and Body in the Healing of Trauma. Viking.
  • Herman, J. L. (1997). Trauma and Recovery: The Aftermath of Violence–From Domestic Abuse to Political Terror. Basic Books.
  • Glasser, R. J. (1996). Not “Just Friends”: Rebuilding Trust and Recovering Your Sanity after Infidelity. Free Press.
  • Gottman, J. M., & Silver, N. (1999). The Seven Principles for Making Marriage Work. Three Rivers Press.
  • Brown, B. (2010). The Gifts of Imperfection: Let Go of Who You Think You’re Supposed to Be and Embrace Who You Are. Hazelden Publishing.
  • Cloud, H., & Townsend, J. (2001). Boundaries: When to Say Yes, How to Say No to Take Control of Your Life. Zondervan.
  • Coleman, P. (2006). The Bully at Work: What You Can Do to Stop the Hurt and Reclaim Your Dignity on the Job. Sourcebooks.
  • Crawford, T. N., & Varela, J. G. (2014). “The Relationship Between Parental Neglect and Delinquency: Examining the Role of Self-Control and Peer Rejection.” Journal of Criminal Justice, 42(2), 168-176.
  • Linehan, M. M. (2014). DBT Skills Training Manual, Second Edition. The Guilford Press.
Share the Post:

Related Posts

Comprendere e Gestire l’Ansia Relazionale: Una Guida Completa

L’ansia relazionale è una condizione molto comune che può avere un impatto significativo sulla nostra vita sentimentale e sulle nostre relazioni interpersonali. Questa forma di ansia si manifesta principalmente con sentimenti di insicurezza, preoccupazione e dubbio riguardo alla compatibilità con il proprio partner e alla stabilità della relazione. Sebbene possa essere difficile da affrontare, è importante comprenderne le cause sottostanti e conoscere i segnali per adottare approcci efficaci per gestirla e superarla.

Read More

Il Baiting del narcisista: Provocare per Manipolare

Le relazioni interpersonali possono essere una fonte di grande gioia e crescita personale, ma possono anche diventare estremamente complesse e sfidanti quando si ha a che fare con individui che presentano tratti narcisistici di personalità. Uno dei fenomeni più insidiosi in questi contesti è il “baiting”, una tecnica manipolatoria utilizzata per provocare intenzionalmente reazioni emotive nell’altra persona. In questo articolo, esploreremo in dettaglio cos’è il baiting, perché i narcisisti vi ricorrono, e come possiamo sviluppare strategie efficaci per affrontarlo e preservare il nostro benessere emotivo.

Read More

iscriviti alla newsletter!

Rimani aggiornato su tutti gli argomenti e gli articoli del Blog