"La qualità delle nostre relazioni determina la qualità della nostra vita"

     “Perché CONOSCERE vuol dire RICONOSCERE”

 

Cerca
Close this search box.

Comprendere il legame traumatico: Esplorare le complessità delle relazioni con i/le narcisiste

Il legame traumatico è un fenomeno complesso che si verifica quando un individuo si lega emotivamente a qualcuno che gli ha causato dolore. Questo tipo di legame è spesso osservato nelle relazioni con i narcisisti, caratterizzate da un rinforzo intermittente in cui il narcisista fornisce attenzione positiva sufficiente per mantenere il partner legato a sé. In questo articolo esploreremo il significato del legame traumatico con un narcisista, i segni riconoscibili e forniremo consigli su come liberarsi da questa situazione.

Cosa è un Legame Traumatico?

Un legame traumatico si verifica quando un individuo si lega emotivamente a qualcuno che gli ha causato dolore. Può accadere in qualsiasi tipo di relazione, ma è spesso osservato nelle relazioni con i narcisisti. Questi legami sono caratterizzati da un rinforzo intermittente, in cui il narcisista fornisce appena abbastanza attenzione positiva per mantenere il partner legato a sé.

Un legame traumatico con un narcisista si sviluppa attraverso sette fasi che intrappolano la vittima in un ciclo infinito di manipolazione e abuso.

Le Sette Fasi del Legame Traumatico

Le sette fasi del legame traumatico sono le seguenti:

1. Bombardamento d’amore

La fase del bombardamento d’amore è caratterizzata da un tentativo improvviso e intenso di creare un “noi” nella relazione attraverso elogi ed eccessive lusinghe. Il narcisista cerca di depredare le emozioni, le speranze e i sogni della vittima, inducendola ad abbassare la guardia e a fidarsi delle sue intenzioni. Durante questa fase, il narcisista fornisce un senso di stabilità e sicurezza.

2. Fiducia e dipendenza

Nella fase della fiducia e dipendenza, l’aggressore testa intenzionalmente la fiducia e la dipendenza della vittima, facendola sentire in colpa per aver interrogato il suo comportamento. La vittima inizia a dubitare di sé stessa e a credere che tutto sia colpa sua, mantenendo così la dipendenza dall’aggressore.

3. Critica

Nella fase della critica, l’aggressore inizia a smontare le qualità della vittima, identificandole come insignificanti o problematiche. Questa critica può sembrare improvvisa, soprattutto dopo la fase del bombardamento d’amore, ma è tipica dei legami traumatici. Durante le intense discussioni o i disaccordi, l’aggressore incolpa la vittima e la fa sentire ancora più in colpa.

4. Manipolazione e illuminazione a gas

Nella fase della manipolazione e illuminazione a gas, l’aggressore utilizza il gaslighting per far dubitare alla vittima della propria realtà. Questo comportamento psicologico porta la vittima a mettere in discussione la propria percezione e realtà, mentre l’aggressore si rifiuta di assumersi la responsabilità dei propri comportamenti.

5. Dimissioni e rinuncia

Nella fase delle dimissioni e rinuncia, la vittima cede per evitare ulteriori conflitti. La vittima inizia a negare i propri bisogni e desideri per mantenere la stabilità della relazione. Questo porta a una maggiore dipendenza emotiva e finanziaria dall’aggressore.

6. Perdita di sé

Durante la fase della perdita di sé, la vittima perde la propria identità e i propri confini personali. La relazione diventa isolante e la vittima si sente sempre più distante dalle proprie connessioni sociali. Questo porta a una perdita di fiducia in se stessi e a pensieri suicidi.

7. Dipendenza dal ciclo

Nella fase della dipendenza dal ciclo, le fasi del legame traumatico diventano cicliche. Dopo un conflitto significativo, può verificarsi un periodo di pace o luna di miele in cui l’aggressore si scusa e ricomincia il processo del bombardamento d’amore. Questo rafforza la dipendenza della vittima dal ciclo abusivo.

Come si Manifesta un Legame Traumatico con un Narcisista?

Un legame traumatico con un narcisista si manifesta attraverso la manipolazione psicologica, la co-dipendenza, la colpa e la vergogna. Alcuni segni riconoscibili di un legame traumatico con un narcisista includono:

  1. Sentirsi intrappolati nella relazione nonostante la consapevolezza che sia malsana.
  2. Credere che il partner sia una brava persona nonostante le prove del contrario.
  3. Camminare costantemente sulle uova per evitare scatti d’ira del partner.
  4. Vivere nella propria testa, analizzando e scomponendo conversazioni e situazioni.
  5. Dare molto alla relazione e ricevere poco in cambio.
  6. Essere eccessivamente grati per piccoli gesti del partner.
  7. Dipendenza emotiva dal partner.
  8. Perdere se stessi e la propria identità.
  9. Ristrettere il proprio mondo e isolarsi dagli amici e dalla famiglia.

Effetti a Lungo Termine dei Legami Traumatici

I legami traumatici possono causare una vasta gamma di effetti a lungo termine sulla salute mentale e fisica delle vittime, tra cui ansia, attacchi di panico, depressione, pensieri ossessivi, comportamenti compulsivi, dipendenza e alcolismo, insonnia, emicranie e sindrome dell’intestino irritabile.

Cosa Attrae i Narcisisti alle Relazioni basate su un Legame Traumatico?

I narcisisti sono attratti dalle relazioni basate su un legame traumatico perché amano avere il potere di controllare i loro partner. Sono attratti dalle persone che hanno vissuto eventi traumatici nel loro passato, poiché sanno che queste persone sono più suscettibili ai legami traumatici.

Come Rompere un Legame Traumatico con un Narcisista?

Per rompere un legame traumatico con un narcisista, è importante chiedere aiuto a parenti, amici o professionisti qualificati. Parlando con uno psicoterapeuta, è possibile ottenere orientamento e sostegno durante questo processo. È inoltre importante creare un piano di sicurezza e concentrarsi sulla cura personale.

Conclusioni

I legami traumatici con i narcisisti possono causare sofferenza e avere un impatto significativo sulla vita delle vittime. È importante riconoscere i segni di un legame traumatico e cercare aiuto per liberarsi da questa situazione. Ricordate che non siete soli e che ci sono risorse disponibili per aiutarvi a rompere il ciclo di abuso.

Share the Post:

Related Posts

iscriviti alla newsletter!

Rimani aggiornato su tutti gli argomenti e gli articoli del Blog